Allez au contenu Allez à la navigation

Dermatite atopica: spiegazioni e consigli dai nostri specialisti

Per i genitori è importante capire che cosa sta succedendo alla pelle del proprio bambino. I nostri specialisti spiegano tutto quello che bisogna sapere per gestire al meglio questa malattia cronica. 

Dssa Stepanka Capkova
Dermatologa
Dssa Stepanka Capkova Repubblica Ceca

Come ben sintetizza la Dssa Capkova, la dermatite atopica è il disturbo cutaneo a decorso cronico e infiammatorio più comune nei bambini dei Paesi sviluppati. È una malattia cronica o con episodi acuti ricorrenti che colpisce soprattutto i bambini, anche in tenera età, e i ragazzi.

Dssa Michaela Duchonova
Dermatologa
Dssa Michaela Duchonova Repubblica Slovacca

La Dssa Duchonova sottolinea che la malattia peggiora la qualità di vita del bambino nel lungo termine e ha forti ripercussioni su tutta la famiglia. 

La dermatite atopica è il disturbo cutaneo a decorso cronico e infiammatorio più comune nei bambini dei Paesi sviluppati

Ipersensibilità cutanea

La Dssa Capkova spiega che “la pelle e la mucosa di un paziente affetto da eczema atopico sono geneticamente più sensibili alle sostanze presenti naturalmente nell'ambiente che ci circonda e che penetrano nel nostro corpo attraverso la pelle, la respirazione o il tubo digerente. In un paziente atopico, entrano in contatto con un sistema immunitario “scoordinato”, che reagisce in modo ostile. I processi biochimici nella pelle atopica e quelli dei riflessi nervosi nel corpo di una persona atopica avvengono in modo leggermente diverso rispetto ad una condizione fisiologica. Un paziente atopico reagisce in modo diverso al cibo e la sua pelle reagisce a stimoli (non necessariamente allergeni) che provengono dall’ambiente interno o esterno al corpo in modo inconsueto, bizzarro.”

Caratteristiche della pelle atopica

I tre sintomi che caratterizzano la pelle atopica infantile, ricordati dalla Dssa Duchonova, sono pelle secca, prurito e zone cutanee interessate da infiammazione (arrossamenti, esfoliazioni, gonfiori, lesioni essudative e croste …). Ne risulta un inadeguato funzionamento della pelle come barriera difensiva, come sotto illustrato.

Come affrontare la dermatite atopica

Il vero problema è la gestione della dermatite atopica del proprio bambino. Come dice la Dssa Duchonova, “La cosa più importante è che i genitori collaborino con i professionisti della salute, comunichino e condividano la loro esperienza e i problemi quotidiani affrontati per tenere l' atopia sotto controllo”. Secondo la Dssa Capkova “Il trattamento non riguarda solo l’utilizzo di medicinali ma è articolato in una serie di misure che vengono adottate per gestire quotidianamente la problematica.”

'Strategia' di trattamento: i quattro punti chiave secondo la Dssa Capkova

  1. L’idratazione regolare della pelle con creme emollienti e prodotti umettanti è la base per il trattamento dell’atopia.
  2. 'Freni d’emergenza': i corticosteroidi topici tradizionali sono utilizzati per gestire gli episodi acuti.
  3. Prevenire nuove acutizzazioni con una corretta cura della pelle, osservando i fattori scatenanti e limitando l’esposizione ad essi.
  4. Influenzare il decorso della malattia con cure preventive, dieta e stile di vita appropriati oltre ad un trattamento sistemico.

Non esistono 'cure miracolose universali'

La Dssa Capkova spiega che “La dermatite atopica è una malattia a predisposizione genetica e, ad oggi, la medicina non è ancora riuscita a evitare completamente che i pazienti predisposti sviluppino la malattia. Tuttavia, con l’età, la maggior parte dei sintomi si attenuano o scompaiono. Non esiste una “cura miracolosa universale”, ma è possibile tenere “sotto controllo” il decorso della patologia grazie a genitori ben informati e a un scrupoloso rispetto delle misure preventive e curative. Questo richiede una grande pazienza, osservazione e l’eliminazione dei singoli fattori scatenanti e aggravanti oltre che l’adozione di una dieta adeguata per il paziente atopico. I risultati di una corretta cura della pelle sono visibili solo dopo diverse settimane o persino mesi. Spesso, è necessario provare diversi trattamenti e procedure, ma i genitori, collaborando attivamente con un pediatra e un dermatologo, generalmente riescono a trovare la cura “giusta” per il proprio bambino.”

I genitori, collaborando attivamente con un pediatra e un dermatologo, generalmente riescono a trovare la cura “giusta” per il proprio bambino.

Punti chiave da ricordare

  • Tre sintomi: pelle molto secca, prurito, infiammazioni locale.
  • La pelle è ipersensibile ai potenziali allergeni.
  • L’idratazione ha un’importanza vitale nel rafforzare la funzione della barriera idrolipidica cutanea.
  • È possibile tenere sotto controllo l'atopia adottando misure preventive e curative adeguate.

Articoli complementari: